Dieta ipocalorica






Cos’è una dieta ipocalorica?


La dieta ipocalorica è sicuramente la prima cosa a cui si pensa ogni volta che si vuole perdere peso in eccesso o quando semplicemente si parla di “dieta”. Ma cosa significa dieta ipocalorica? In generale si considera ipocalorico ogni regime dietetico che preveda l’apporto di una quantità di calorie più bassa rispetto a quella che viene consumata durante la giornata.

Quanto ipocalorica può essere una dieta dimagrante, cioè quante calorie devono essere fornite per poter perdere peso in salute?


Per rispondere a questa domanda innanzitutto è necessario identificare le calorie necessarie per perdere peso, dobbiamo in pratica calcolare quante calorie è necessario sottrarre al nostro normale consumo per ottenere una perdita di peso. Per fare questo se il peso nelle ultime 4 settimane è rimasto stabile possiamo iniziare il calcolo facendo la media delle calorie assunte in due giorni (uno feriale e uno festivo) e procediamo sottraendo da questo valore 500 Kcal. Tagliare 500 kcal corrisponde a perdere in una settimana circa 0,5 Kg  (1 kg/settimana se togliamo 1000Kcal). Perdere 0,5-1 Kg/settimana è una velocità dimagrante ideale, fisiologica e senza alcun rischio per la salute. Se il peso cala meno di 0,5 kg/settimana possiamo tagliere altre 250 Kcal.  In ogni caso non si deve mai seguire una dieta al di sotto delle 1200 Kcal senza supervisione medica per non rischiare di incorrere in carenze nutrizionali (vitaminiche o di altre sostanze essenziali ottenute con gli alimenti).  Inoltre, una dieta troppo ipocalorica potrebbe procurare eccessiva stanchezza, per mancanza di energia con rischi anche gravi per la salute e perdita di massa muscolare.

Importante anche considerare l’attività fisica. Inserire nel programma di perdita del peso una regolare attività fisica sarà fondamentale per raggiungere in maniera più rapida gli obiettivi e anche per rendere più sopportabile stare a dieta.

top

 

Quali cibi sono adatti a una dieta ipocalorica?

Per avere risultati è sufficiente fare il conteggio delle calorie e avere l’accortezza di inserire nel programma dietetico tutte le classi alimentari. La dieta ipocalorica per essere efficace e nello stesso tempo salutare deve essere varia e rispondere alle necessità caloriche del singolo. Non ci sono pertanto dei cibi che devono essere eliminati in assoluto. Anche i cibi ritenuti ingrassanti come pasta, pane e patate sono importanti. Da ricordarsi che proprio questi alimenti contribuiscono ad una adeguata sensazione di sazietà e, se in porzioni adeguate e conditi semplicemente, sono sani e non eccessivamente calorici.

 

Quali potrebbero essere i giusti comportamenti da seguire mentre si sta seguendo un regime di dieta ipocalorica?

    • Come prima regola si dovrebbe fare movimento: organizzare una regolare attività fisica può essere utile per riuscire a combattere la naturale reazione del nostro organismo a dover andare avanti con poche calorie. Se per un periodo di oltre 3 settimane l’alimentazione diventa ipocalorica l’organismo comincia a risparmiare e non si dimagrisce anche se si mangia meno! Non bisogna strafare o sudare copiosamente è sufficiente rispettare un ritmo accettabile nell’allenamento.
    • Si dovrebbe aver cura di frazionare i pasti in 4 o 5 piccoli pasti, avendo cura di fare sempre la prima colazione.
    • È necessario consumare molta verdura (almeno 3 porzioni al giorno) bene anche la frutta che non deve essere però assunta in quantità troppo elevata per compensare una mancanza di sazietà dato che questo non sempre può essere una scelta vantaggiosa (alcuni frutti contengono elevate quantità di zuccheri e quindi calorie).
    • Molto importante in una dieta ipocalorica é infine la scelta dei condimenti: si dovrebbero prediligere l’olio extravergine d’oliva e l’utilizzo di poco sale e si dovrebbe avere l’accortezza di utilizzare il cucchiaio come unità di misura per olio e sughi.
    • Proponetevi obiettivi raggiungibili e non esagerati: il primo passo può essere voler rientrare in quel vestito che abbiamo appena abbandonato e poi procedere con i passi successivi. Ricordarsi di non utilizzare la bilancia in maniera maniacale, è sufficiente pesarsi una volta a settimana.

     

Accedi al tuo diario alimentare

Non ricordi la tua password?
Devi attivare il tuo account?

oppure Registrati